Dicono di lui

“Romanziere e poeta  Luigi G. Carriero riesce a imprimere alla penna sollecitazioni ora lievi, velate, eteree, ora decise e cariche di phatos, in un armonioso e ben dosato alternarsi di suggestive e minuziose panoramiche descrittive, che esaltano e nobilitano il filo conduttore di un racconto nel suo intreccio di vicende, luoghi, personaggi e situazioni.
Perfetti ed equilibrati mosaici  letterari, impreziositi da una dialettica forbita e accattivante, i suoi libri sono capaci di suscitare e far rivivere intensamente al lettore le stesse emozioni, le sensazioni, gli stessi stati d’animo provati dall’autore in fase di eleborazione dell’opera.
Libri, o meglio veri gioielli di arte espressiva adagiati in un pregevole  scrigno di passionalità  e calore, che si prestano a una facile e scorrevole lettura, mai distolta da pause, vuoti o minime flessioni  di intensità”.   Gigi Contessa, direttore di “…Come…”.

“Le storie di L. G. Carriero, dei thrillers atipici, sono un  mix di intrigo, passionalità, amore, giallo, noir.
E, al di là del filo conduttore che attinge alla fiction, raccontano e rimarcano le quotidiane esperienze di ognuno di noi”.   R. C.  

Hanno  scritto di lui molti quotidiani nazionali e locali come: La Repubblica, Il Resto del Carlino, Il Corriere della sera, La Stampa, Il Gazzettino, La Gazzetta del Mezzogiorno, L’Eco di Bergamo, Il Mattino di Padova, Il Giornale di Brescia, Il Corriere di Caserta, La Voce di Romagna, Bresciaoggi, Il Corriere di Rimini, Il Piccolo, Il Mattino, Il Messaggero Veneto, La Voce di Rovigo, La Provincia di Como, Il Quotidiano di Puglia, Il Trentino, La Gazzetta di Caserta, Il Secolo XIX.

“La raccolta di poesie “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…”, dello scrittore e poeta Luigi G. Carriero, si legge tutta d’un fiato. E’ come bere un bicchiere d’acqua fresca in una giornata di calura. Poi, con più calma, si può  gustare appieno ogni singolo verso, centellinando e assaporando le emozioni con  gioia e commozione.

Sessantaquattro liriche: un susseguirsi di sensazioni, ora tristi, ora gioiose, ora commoventi… Un regalo per chi si avvicina alla poesia di L. G. Carriero; un’immersione nel quotidiano e nelle sfumature che lo caratterizzano.

La vita scandagliata in ogni suo recesso:  la gioia: “Questa sera ho contato le stelle/ e c’eri anche tu/ questa notte ho pianto di gioia/ vivevi di già/…” (A Roberta – pag. 113);  il dolore: “Dormi, se puoi,/ dai tuoi dolori./ Fà che ogni dubbio/ consumi la notte/…” (Dormi, se puoi – pag.15);  la speranza: “Passeranno i giorni di/ sconforto e umiliazioni,/ e il sole tornerà finalmente/ a scaldarti/…” (Passera’ – pag.79);  la solitudine: “Sono solo questa sera,/ solo col silenzio a/ vegliare sul mio cuore/…” (Solo – pag. 91);  l’amore: “Amare… è sognare/ la luce/ quando il buio ti prende/…” (Amare – pag.21);  l’illusione:  “Ti volti, rassegnato…/ ma il sogno non c’è più:/ t’ha lasciato!/….”  (Sogno disperso – pag.39).

Lettura emozionante, versi originali nei temi e nei contenuti, nel linguaggio -che fluisce rapido e incisivo-, ma, soprattutto, perchè sgorgano dal cuore e trasmettono sensazioni davvero uniche”.   Mara Corbelli

“Si muovono sul piano delle pure emozioni, e spaziano nella più privata dimensione del sentire i versi del salentino Luigi G. Carriero, residente a San Giorgio in Bosco (PD), autore della raccolta di poesie “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…”. Brevi componimenti  che prendono spesso spunto dall’esperienza quotidiana, come in “Insonnia”, “Camera d’albergo”, “Carnevale a Venezia”, per approdare a una lirica estetica più che di contenuti. Una poesia semplice, onesta, aliena al gusto dell’artificio dialettico, appagata dalla musicalità del verso e dalle emozioni che riesce ad evocare.
A questa poesia l’autore non chiede di spiegare il mondo, né l’amore, la solitudine o l’angoscia ma solo di farsi specchio dei suoi stati d’animo, tradurli in immagini e trasmetterli a chi   legge”.   Anna Renda, de “Il Gazzettino”.“…Luigi G. Carriero ha pubblicato, in queste settimane, per le Edizioni Suman di Conselve, “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…”. Le sue poesie sono coinvolgimento, passione, trasporto. Ma anche  affetti, amore, condivisione. Un intreccio di sentimenti che lo rende uomo, padre: lo si capisce da alcuni versi alla figlia Roberta: “Questa sera ho contato/ le stelle e c’eri anche/ tu./ Questa notte ho pianto/ di gioia:/ vivevi di già!/ I tuoi giorni sorridono/ ai miei, e sono pieni/ d’affetto./ Il tuo cuore rimbalza/ nel mio/ che si scalda d’amore”. E’ l’uomo con i suoi sentimenti, tutti i sentimenti, che vive ed esprime, al centro delle poesie di Carriero, il quale se, qualche volta, si sofferma sul mondo che lo circonda, il cielo, il trascorrere delle stagioni, una semplice stanza d’albergo, o un paesaggio, lo fa per rendere più incisive le immagini che crea e che nascono comunque dall’interiorità. E così anche nei suoi romanzi. Ne ha scritti e pubblicati due: “I sogni respirano amore” e “Luci d’autunno”. Stesso filo conduttore nei racconti e nei lavori teatrali. Ma è sufficiente leggere il libro pubblicato da Suman per capire la sua personalità, soprattutto i suoi sentimenti… che spesso riproduce in immagini che profumano di poesia…”.   Roberto  Rizzo, de “La Voce di Rovigo”.

“…Protagonista dell’evento culturale, che tiene banco per tutta la settimana di Ferragosto, negli alberghi di Montegrotto e Abano Terme, è un libro di poesie. “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…” s’intitola appunto la raccolta, il cui autore è quel Luigi G. Carriero originario di San Vito dei Normanni (Brindisi), ma da tempo stabilitosi in provincia di Padova, che ha la dote della versatilità, abile com’è nel passare con estrema disinvoltura da un articolo giornalistico a un racconto, da una commedia ad una poesia…”. P. Di Giovanni, de “Il Mattino”.

“Si è da poco concluso l’incontro con lo scrittore e poeta Luigi G. Carriero. Un viaggio meraviglioso abbiamo vissuto insieme, e nella nostra bisaccia il meglio di noi ci abbiamo messo. Luigi G. Carriero è un artista eccezionale, ma è, soprattutto, una persona meravigliosa; e i suoi versi ne danno testimonianza. Sono il risultato di un eccellente lavoro mentale e prendono forma attraverso la voce del cuore. L’interiorità e l’esteriorità sono brillantemente coniugate  nelle sue parole: notevole è la sensibilità di Luigi. “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…” è una raccolta che si può leggere tutta d’un fiato, ma è anche un rifugio sicuro che contiene le immagini prodotte dal cuore, luogo dove tutte le infinite volte in cui si ritornerà, non si resterà delusi; perchè ogni volta si scopriranno sempre nuove ricchezze, perchè tutta la vita la si può provare a leggere, seguendo percorsi di volta in volta diversi.”  Vanna Lo Re

Evento: Poesie d’amore negli hotels. “Dopo il successo di critica e pubblico in Veneto, Liguria e Puglia con la sua raccolta poetica “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…”,,(edizioni Suman), lo scrittore Luigi G. Carriero approda a Rimini per presentare i suoi versi in Riviera. Ieri il poeta ha tenuto una serata all’hotel Du Soleil di Viale Regina Elena, mentre oggi (alle 21) presenterà la sua raccolta poetica presso l’hotel Estate di Torre Pedrera, in viale San Salvador. L’ingresso alla serata è libero”.  “Il Resto del Carlino” 12 aprile 2009.

“Benedetto sia il brutto tempo d’oggi che ci ha impedito la passeggiata al lago di Lova. Ho acceso il fuoco e ho letto tutte le tue poesie. Benedetto sia il mio soggiorno a Borno in questo mese di luglio dei miei sessant’anni. Forse il mio tempo era maturo o forse tutti i giorni sono maturi per ritrovare noi stessi, serve, però, una scintilla e questa scintilla è stata il nostro incontro. Non sia mai, che preso dalla gioia e dall’entusiasmo tenti di imitarti per dirti quello che hai scatenato in me con le tue poesie; ti basti il mio Grazie, il Grazie di un uomo Nuovo. “…E’ Poesia, quando sei solo con te stesso e ti vuoi bene veramente; se la speranza già vezzeggia l’ardimento, la tua voglia e ogni notte…” Arrivederci.  Agostino Re

Che poesia “La Vita e l’Amore”! Incontri con Luigi G.Carriero.“Nuovi appuntamenti con l’autore Luigi G. Carriero, che sarà a Rimini fino al 12 settembre per una serie di serate in vari hotels della città.  Lo scrittore torna a Rimini dopo il successo della prima raccolta “Di Emozioni, di Cuore e d’Amore…”, per nuove serate con la poesia. Questa sera  alle 21 sarà all’hotel  Due Rose  di Viserba, mentre domani  all’hotel Galles. Prossimi appuntamenti di settembre: il 10 all’hotel Glenn di Torre Pedrera, l’11 al Busignani a Rivabella, e il 12  all’hotel Austria di Rivazzurra. La nuova raccolta “La Vita e l’Amore”, ed. Suman 2009, sta spopolando anche in Riviera Romagnola. Luigi G. Carriero, molto apprezzato sia dal pubblico che dalla critica, sta catturando l’attenzione per l’originalità con cui sta avvicinando alla poesia quanti ritenevano fosse un argomento lontano dalla gente comune. I suoi versi raccontano la quotidianità, i sentimenti, la passione, l’amore e la vita”.
“Romagna Corriere”  8 settembre 2009.

…”La Vita e l’Amore”, la seconda raccolta di liriche di Luigi G. Carriero, sta ottenendo un giusto e meritato successo di critica e pubblico. Se dovessimo parlare dell’autore Luigi G. Carriero, sicuramente, non potremmo esimerci dal sottolineare la sua poliedrica personalità letteraria: poeta, scrittore, commediografo, solo per citare alcune delle vesti in cui abbiamo avuto il piacere di conoscerlo… Leggendo con attenzione e interesse questa nuova raccolta di liriche, le emozioni che ci hanno pervaso, durante le lettura, sono state precise, nitide, totali, quasi tangibili… Questa riteniamo sia, inconfutabilmente, la caratteristica della poesia vera, e che ne decreta anche la sua grandezza. Una poesia luminosa, pregna di luce, aperta alla speranza anche quando attraversa l’incertezza e il buio di momenti dolorosi: “…Notte di pianti, strazi infiniti, / e sofferenze taciute;/ di caldi sorrisi, a planare nel vento,/ che già regalano auspici…”. Un colloquio o, meglio, una sorta di dialogo delicato, ma deciso, tra l’animo del poeta, gli elementi che compongono la nostra quotidianità, e la natura stessa, cogliendone l’essenza più intima e più vera. La sensibilità di Luigi G. Carriero percepisce e riesce a rendere tangibili anche soggetti per loro natura astratti quali i profumi, gli odori, la luce, le ombre: “…Scende, con la sua coltre nera,/ in ogni angolo remoto;/ scende a giocar con le ombre/ e a farle, nuovamente, rianimare…”. …Solo quando la poesia oltre a dire, riesce a dare, si può parlare di autenticità poetica; perchè è l’anima del poeta che vibra all’unisono con le nostre, arricchendole. Ed è questo il ruolo unico, prezioso ed insostituibile della poesia”.
Anna Agostini, poetessa. 

“La Vita e l’Amore”, la nuova silloge di Luigi G. Carriero, è una raccolta di poesie dove i sentimenti e le passioni si muovono liberamente, trasmettendo al lettore una tempesta di emozioni. Nella prima parte, il poeta racconta la vita: la solitudine, l’amarezza, lo sconforto, la tristezza; ma anche la gioia, la tenerezza, la solidarietà, la dolcezza. Meritano una speciale menzione: “Donne di cuore”, un affresco del mondo femminile, dipinto dall’autore con pennellate ora lievi ora decise, pregne di ammirazione e di profonda comprensione, come un dolcissimo abbraccio che avvolge ciascuna; e “Vendendo sogni”, un’intensa lirica che tratta la piaga della schiavitù sessuale: “…vendi anche il cuore alla tristezza che cresce… questa tua vita che non conosce il tepore… vendi il tuo corpo costretto, ma non vendi l’amore.”
Il poeta racconta, soprattutto, le donne e il loro variegato mondo: i sentimenti profondi vissuti con intensità, le sofferenze, ma anche le grandi gioie, l’affetto e lo slancio
di cui sono capaci. La seconda parte del libro è un canto d’amore; trentadue poesie dedicate a questo sentimento. L’Amore: croce e delizia, passionalità e abbandono, gratificazione e sconfitta, luce abbacinante e buio profondo. “D’Azzurro infinito”: “E’ come il mare la nostra storia: impetuoso a volte, ma anche dolce e sereno…”. “Abbandono”: “M’hai offerto il tuo amore, disegnando la gioia, ma ero assente, distratto, e non l’ho nemmeno veduto…”. “Amami e basta”: “…Amami se mi vuoi veramente. Amami e basta, senza pretese. Ce l’hai tu il mio cuore!”. Poesie intense e nel contempo colorate di semplicità: semplicità nell’accezione più vera: come grandezza, e capacità di arrivare al cuore di tutti. Esclusiva di un poeta di grande talento.   Mara Corbelli

“L’amore in versi di Carriero – Emozioni interiori ascoltando voci di donne”. Sarà presentato oggi, nella <Casa degli Artisti> di Gallipoli, situata in via Lecce, il volume di poesie “La Vita e l’Amore” dello scrittore e poeta Luigi G. Carriero. L’evento, aperto a tutti, è organizzato in collaborazione con la locale sezione Fidapa, presieduta da Angela Stasi, che introdurrà l’incontro. Per L.G. Carriero, residente a Padova, ma nativo di S.Vito dei Normanni (BR), quello jonico è il primo appuntamento di un tour pugliese, in cui rientra la partecipazione a Spiagge d’autore e Polignano a Mare. I contenuti della silloge sono chiaramente indicati dal titolo
“La Vita e l’Amore”: amore, sentimenti, quotidianità, poesie in grado di far scoprire emozioni o di far ritrovare esperienze vissute.  “Donne che ti parlano di mare, che profumano di sole, che ti stanno anche a sentire, che ti lasciano soffrire, ma che riaccendono il tuo amore”, scrive Carriero. La critica ha definito i suoi versi come “poesia delle pure emozioni”. …”La poesia -sostiene Carriero- come la bellezza, deve dare piacere, lenire il dolore, trarre una piccola gioia da una giornata buia”. E la luce della poesia, si sa, non dura solo un giorno.    Gloria Indennitate – La Gazzetta del Mezzogiono  25 giugno 2010

Poter parlare di Luigi Carriero, Poeta e Scrittore, mi preoccupa un po’ ma nello stesso tempo mi sento attratta e pertanto mi accingo a farlo. Ho conosciuto Luigi anni fa durante un incontro fugace per la presentazione di un suo scritto. Tengo a precisare che non è un mio compagno di studi né un amico di infanzia, ma quella breve conoscenza si è concretizzata nel tempo come se mai si fosse sbiadita. Una telefonata dopo parecchi anni è stata il filo conduttore che ci ha fatto riavvicinare e riprendere quella conoscenza, diventata poi amicizia che non si era mai sopita. Insieme abbiamo dato a questo ritrovarci il nome di “empatia” perché così è che l’abbiamo percepito. Ora mi sento di parlare sì dello Scrittore e Poeta Luigi Carriero, ma anche della “persona” e del suo scrivere intimo e profondo, in particolare della donna, della metà del cielo, e anche della sua di donna. Non perché io sia stata la presidente di una associazione femminile (FIDAPA), che confermo questo suo modo di sentire ed esprimere ciò che viene fuori come un canto melodioso dai suoi versi. Non sono un critico per poter dissertare sui vari temi del suo copioso lavoro, ma nel modo di presentarsi a noi lettori ho captato la profondità dei suoi sentimenti, espressa con intensità e calore umano. Sentivo di dedicare, indegnamente forse, queste poche righe a Luigi e l’ho fatto. Con sincera amicizia auguro a Lui un lungo e prosperoso cammino come uomo di penna e dal grande cuore”.    Anna Maria Mangia